Vomero, Capodanno: “Svuotare i contenitori deiezioni canine”

Sulla questione Capodanno richiama l'attenzione degli uffici competenti, affinché vengano messi in atto tutti i provvedimenti necessari

NAPOLI. “Uno dei problemi più sentiti dagli abitanti del Vomero, sovente alla ribalta delle cronache cittadine negli ultimi anni, è legato alla presenza sui marciapiedi delle strade del quartiere collinare, delle deiezioni canine – esordisce Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari – Purtroppo, non tutti i proprietari degli amici a quattro zampe, ottemperando alle vigenti disposizioni al riguardo, muniti delle necessarie attrezzature, provvedono a rimuoverle, con conseguenze che sovente sono sotto gli occhi di tutti”.

Contenitori deiezioni canine non svuotati

“In passato, al riguardo, proprio al Vomero era stato istituito un apposito servizio di vigilanza urbana che, peraltro, aveva prodotto un discreto risultato sia in termini di prevenzione che di repressione del fenomeno – ricorda Capodanno – Allo stato, però, non è noto se tale servizio sia ancora in funzione”.

“Un ulteriore contributo alla soluzione del problema – puntualizza Capodanno – era arrivato, a partire dall’aprile dell’anno scorso, attraverso l’installazione in diverse strade del quartiere dei contenitori per la raccolta delle deiezioni canine, di colore rosso, dotati di bustine di plastica su uno dei lati e con al centro la sagoma dell’amico a quattro zampe”.

“Un’iniziativa, però – sottolinea Capodanno – che rischia di non raggiungere lo scopo auspicato, laddove non si provveda a svuotarli, con costanza e per tempo, come si osserva nelle due foto allegate, che ritraggono due di questi contenitori, posti al Vomero in via Morghen, con molte bustine piene che fuoriescono, peraltro lungo un percorso frequentato anche dai turisti che da via Scarlatti vogliono raggiungere l’area di San Martino”.

Sulla questione Capodanno richiama l’attenzione degli uffici competenti, affinché vengano messi in atto tutti i provvedimenti necessari affinché episodi come quello segnalato non abbiamo più a verificarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.