Vesuvio: 700mila visite e incremento del 9%

Vesuvio: 700mila visite e incremento del 9% rispetto al 2017. Il vulcano più famoso al mondo resta il primo sito naturalistico più visitato d’Italia

-vesuvio
Vesuvio: 700mila visite e incremento del 9% rispetto al 2017. Nonostante i diversi stop alle visite al Vesuvio per i lavori di manutenzione e di bonifica dagli alberi a rischio crollo, il vulcano più famoso al mondo resta il primo sito naturalistico più visitato d’Italia.

Vesuvio: incremento dei visitatori

Chiude in attivo il bilancio dei visitatori del Vesuvio del 2018: quasi 700mila le visite al Gran Cono con un incremento del 9,12% rispetto al 2017. I visitatori totali del 2018, come da primi dati dell’Ente Parco Nazionale, sono stati 665.945 a fronte dei 610.305 del 2017. Si è registrato un incremento  del +9,12% rispetto al 2017 che fu l’anno dei terribili roghi.


terremoto-vesuvio


«Sono molto soddisfatto dei dati delle presenze al Sentiero n5 “Il Gran Cono” – afferma Agostino Casillo, presidente Ente Parco – che confermano la grande attrattività turistica del Parco Nazionale del Vesuvio. Abbiamo  sfiorato i 700mila visitatori con un incremento del + 9,2% rispetto all’anno precedente. Incredibile per un sito naturalistico che si piazza tra i primi 3 siti di attrazione turistica della Campania insieme a Pompei ed alla Reggia di Caserta. Tutto questo considerando anche la chiusura delle ultime 5 settimane per i lavori di messa in sicurezza della strada di accesso  e altri brevi stop durante l’anno per la manutenzione del sentiero.

Un ulteriore segnale positivo è che siamo riusciti subito a recuperare il numero di visitatori persi nel 2017 a causa dell’incendio. Il grande lavoro di promozione e valorizzazione che stiamo mettendo in campo come Ente Parco  sta dando i suoi frutti e ne sono felice. Ovviamente questi dati si riferiscono solo al Cratere dove è necessario il  biglietto d’ingresso ma se consideriamo tutti gli altri sentieri e siti presenti nel territorio della nostra area protetta i numeri sono ancora maggiori.

Speriamo nei prossimi mesi di avere dei dati più precisi anche per le aree di accesso libero, a questo scopo stiamo lavorando ad un sistema di monitoraggio dei flussi con nuove tecnologie legate ai big data».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.