Uccisero uno dei killer di Genny per paura del tradimento: quattro arresti nel clan Lo Russo

Temevano che Vincenzo Di Napoli potesse tradire il commando che il 6 settembre del 2015, uccise per sbaglio il 17enne Genny Cesarano

NAPOLI Temevano che Vincenzo Di Napoli potesse tradire il commando che il 6 settembre del 2015, durante un raid nel rione Sanità di Napoli, uccise per sbaglio il 17enne Genny Cesarano, e per questo venne assassinato: nuove accuse per quattro esponenti del clan Lo Russo, tra cui Ciro Perfetto, ora 22 enne, ritenuto l’assassino “pentito” di Genny.

Temevano potesse parlare, nuove accuse per sicari dei Lo Russo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.