Truffa ad anziani: padre e figlio si fingono avvocati

Due napoletani, padre e figlio rispettivamente di 68 e 43 anni, si fingevano avvocati per derubare gli anziani. Denunciati dalla polizia di Caltanissetta

Due napoletani, padre e figlio rispettivamente di 68 e 43 anni, si fingevano avvocati per derubare gli anziani. Denunciati dalla polizia di Caltanissetta.

Truffa ad anziani, due napoletani si fingevano avvocati

Gli agenti della Squadra mobile li hanno rintracciati a bordo di un’auto nella zona di via Ferdinando I dopo la segnalazione di una pensionata. La donna ha raccontato di una strana telefonata ricevuta da parte di un uomo che si è presentato come avvocato che rappresentava gli interessi della figlia nell’ambito di un incidente appena avvenuto.

I due infatti contattavano gli anziani fingendosi avvocati e dicendo di essere incaricati di risolvere delle controversie giudiziarie. In particolare di finti incidenti in cui erano coinvolti il figlio o la figlia della vittima. In questo modo chiedevano l’immediata consegna di somme di denaro per evitarne l’arresto.


truffe-anziani


I ladri degli anziani

Nell’autovettura su cui viaggiavano sono stati ritrovati 800 euro e falsi gioielli che, con tutta probabilità, dovevano servire per raggirare anziani. Nella stanza d’albergo invece sono stati scoperti 7.000 euro e svariati oggetti d’oro, probabilmente rubati.

Padre e figlio sono quindi stati denunciati e mandati a Napoli con un foglio di via obbligatorio emesso dal questore di Caltanissetta. Le indagini della Squadra Mobile di Caltanissetta proseguono per risalire a eventuali altri episodi di truffa commessi dai due.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.