Strisce pedonali fuori la basilica: “Manca anche la ditta per rifarle”

Lungi da una risoluzione il problema della mancanza di strisce pedonali dinanzi la Basilica di San Gennaro ad Antignano: la denuncia

NAPOLI. “Stamani per risolvere il problema segnalatomi da alcuni parrocchiani della Basilica Pontificia di San Gennaro ad Antignano, posta nella via omonima, al Vomero, sulla mancanza delle strisce pedonali, da tempo usurate, che si dipartivano dallo scivolo posto sul marciapiede nei pressi della chiesa per raggiungere il marciapiede di fronte e viceversa, ho telefonato al dirigente del servizio attività tecniche della municipalità Vomero – Arenella, il quale mi ha fatto presente che non è possibile realizzare il rifacimento delle strisce pedonali in questione ma anche delle tante altre “scomparse” sulle carreggiate delle strade del quartiere collinare, in quanto non c’è al momento una ditta che, per conto del Comune di Napoli, possa effettuare questo servizio”. Lo ha dichirato Gennaro Capodanno, presidente del comitato Valori collinari.

Basilica di San Gennaro ad Antignano, mancano le strisce pedonali

“Ai fedeli che si recano in chiesa, tra i quali tante persone anziane, ai diversamente abili che sul marciapiede trovano lo scivolo ma poi non ci sono le strisce zebrate, non resta che consigliare, visto anche il continuo sfrecciare di auto e motorini pure a velocità sostenuta, prima di attraversare, di rivolgere una preghiera a San Gennaro, affidando la loro incolumità al Santo Patrono, che li osserva benevolmente da una sua effigie posta sul cippo a lui intitolato, a pochi passi dalla chiesa”.

“Ai napoletani, alla luce della ormai endemica latitanza degli uffici preposti di fronte alle richieste di soluzione dei problemi che riguardano la carenza, se non l’assenza totale, di alcuni servizi pubblici essenziali, finalizzati anche a garantire la sicurezza e la  pubblica incolumità, non resta oramai che affidarsi al Santo che da sempre li protegge: San Gennaro mettici la mano tua!”, ha concluso Capodanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.