Strage via D’Amelio, Torre Annunziata ricorda Paolo Borsellino

Ventiseiesimo anniversario dell’assassinio di Paolo Borsellino e dei suoi cinque agenti di scorta, il ricordo del sindaco di Torre Annunziata

Paolo Borsellino

TORRE ANNUNZIATA. Ventiseiesimo anniversario dell’assassinio di Paolo Borsellino e dei suoi cinque agenti di scorta, il ricordo del sindaco di Torre Annunziata Vincenzo Ascione.

Il ricordo di Paolo Borsellino del sindaco Vincenzo Ascione

Il 19 luglio del 1992 il magistrato palermitano si recò, insieme alla sua scorta, in via D’Amelio dove risiedeva sua madre. Intorno alle ore 17, 00, una Fiat 126 imbottita di tritolo, parcheggiata nei pressi dell’abitazione, detonò al passaggio del giudice, uccidendo lui e gli agenti Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L’unico a salvarsi fu Antonino Vullo, che al momento della deflagrazione stava parcheggiando uno dei veicoli della scorta.

Paolo Borsellino ed i suoi agenti sono stati le ennesime vittime della strategia stragista della mafia, perpetrata dall’allora capo Salvatore Riina. Nell’intenzione del padrino corleonese la pianificazione e l’esecuzione di attentati esplosivi avvenuti non solo in Sicilia, ma anche in altre città italiane, come Roma e Milano, doveva costringere il Governo ad attuare la revisione del maxi-processo a Cosa Nostra che, di fatto, aveva scosso dalle fondamenta la cupola mafiosa con condanne severissime per l’intera organizzazione.

«È doveroso – afferma il sindaco Ascione – mantenere costantemente vivo il ricordo di coloro i quali hanno sacrificato la propria vita per difendere i valori dello Stato. Uomini e donne che, nonostante fossero consapevoli di essere bersagli della ferocia di Cosa Nostra, hanno continuato a svolgere il proprio lavoro con grande coraggio ed abnegazione. Mi piace ricordare – conclude il primo cittadino – una delle frasi di Paolo Borsellino: “La lotta alla mafia deve essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità”».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.