Stadio Collana chiuso, il Comune: “Tutta colpa della Regione Campania”

Il primo cittadino partenopeo, Luigi de Magistris, esprime tutta la sua indignazione riguardo lo stadio Collana e incolta la Regione Campania

stadio collana

Il primo cittadino partenopeo, Luigi de Magistris, esprime tutta la sua indignazione riguardo lo stadio Collana e incolta la Regione Campania.

 

Il sindaco incolpa la Regione

«Per lo stadio Collana bisogna uscire dal guado. E subito. Non si può più accettare che questa vicenda, a causa delle responsabilità della Regione Campania, impedisca la fruizione del complesso sportivo a migliaia e migliaia di cittadine e cittadini, che sono parte lesa insieme all’amministrazione comunale di Napoli». Lo dichiarano il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e l’assessore comunale allo Sport, Ciro Borriello. «La città, i napoletani, gli sportivi – aggiungono de Magistris e Borriello – stanno aspettando una svolta per vedersi restituire un importante centro di eccellenza sportiva, che è ormai in stato di abbandono da oltre due anni. Palazzo San Giacomo ha le competenze necessarie e la capacità per gestire direttamente lo stadio Collana. Abbiamo proposto in ogni tavolo programmatico di riqualificare il complesso sportivo con i fondi delle Universiadi, con l’assenso dell’Agenzia regionale per le Universiadi 2019, cosa ancora possibile e interamente praticabile. Una soluzione efficace ed immediata. Invece il presidente De Luca finge di non capire la volontà dei napoletani e frappone caparbiamente mille ostacoli». Sindaco e assessore ribadiscono che «l’immediata apertura dello stadio Collana e la sua piena funzionalità sono una priorità e l»impegno del Comune di Napoli è assoluto. È essenziale uscire da questo stallo, facendo anche emergere le responsabilità che hanno portato a questo stato di cose«, concludono de Magistris e Borriello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.