Spazio e astronomia, tanti auguri all’Agenzia spaziale italiana

È infatti del 30 maggio 1988 la legge che istituiva l'Asi, a coronamento di una storia cominciata nel 1959, con la nascita della Commissione nazionale per le ricerche spaziali

NAPOLI. Missioni uniche nella storia dell’esplorazione spaziale, come sono state Cassini e Rosetta, sette ‘magnifici’ astronauti e il 50% dei moduli della Stazione Spaziale Internazionale costruiti nel nostro Paese: sono solo alcuni punti salienti del bilancio dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), che compie 30 anni.

Buon compleanno Agenzia spaziale italiana

È infatti del 30 maggio 1988 la legge che istituiva l’Asi, a coronamento di una storia cominciata nel 1959, con la nascita della Commissione nazionale per le ricerche spaziali e che il 15 dicembre 1964 aveva portato l’Italia ad essere fra i pochissimi Paesi a lanciare un suo satellite, il San Marco 1. Da allora la presenza italiana nello spazio è stata sempre più importante e in questi 30 anni ha reso possibili “grandi missioni” come Cassini e Rosetta, osserva il presidente dell’Asi, Roberto Battiston.

“A questi successi si aggiunge il contributo straordinario che l’Asi ha potuto dare alla realizzazione della Stazione Spaziale Internazionale perché metà del suo volume è stato costruito in Italia dalla nostra industria” e al settore dei satelliti, con la costellazione Cosmo SkyMed per l’osservazione della Terra che costituisce “una prima mondiale”, fino al lanciatore Vega e alla quotazione in borsa dell’azienda che lo realizza, la Avio. Quella dello spazio italiano è una “filiera che ha potuto essere mantenuta in buone postazioni per competenza, competitività e innovazione: proseguiamo su questa strada”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.