Spari in via Chiatamone, fu vendetta contro i parcheggiatori abusivi

A sparare, secondo la procura della Repubblica di Napoli, era stato un giovane incensurato che aveva subito il furto di uno scooter

NAPOLI. Subito dopo il fatto si era ipotizzata un’altra ‘stesa’ (spari all’impazzata di gang dei clan a scopo intimidatorio).

E del resto – riferisce l’Ansa – quel raid aveva provocato scene di panico con un fuggi fuggi generale e momenti di grande paura per tante famiglie che stavano trascorrendo la serata in strada.

Spari in via Chiatamone

Invece a sparare, per fortuna senza colpire nessuno, era stato l’8 aprile scorso, in via Chiatamone, sul lungomare di Napoli – secondo la ricostruzione fornita oggi dalla Procura della Repubblica di Napoli – un giovane incensurato che aveva subito il furto di uno scooter dopo essersi recato con la fidanzata in un ristorante della zona.

Al ritorno, la moto non c’era più. Così, al termine di un’indagine coordinata dalla settima sezione della Procura, diretta dal procuratore aggiunto Rosa Volpe e dal sostituto Ludovica Giugni, i Carabinieri della compagnia Napoli Centro hanno eseguito un’ordinanza ai domiciliari emessa dal giudice per le indagini preliminari. Sparò per vendicarsi dei parcheggiatori abusivi dopo il furto dello scooter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.