Spara alla moglie e si butta dal tetto: morto 66enne, lei fuori pericolo

L'uomo aveva sparato in volto alla compagna di 52 anni e che poi era precipitato da un tetto dove si era rifugiato all'arrivo della Polizia

È morto nel reparto di Rianimazione al Maggiore di Parma Carlo Pibiri, l’uomo di 66 anni che domenica mattina aveva ferito, sparandole al volto, la compagna di 52 anni e che poi era precipitato da un tetto dove si era rifugiato all’arrivo della Polizia.

Tentato femminicidio a Parma

È l’ultimo capitolo della vicenda iniziata domenica alle 5 nella loro abitazione alle porte di Parma. Dopo un violento diverbio con la compagna, forse per gelosia, aveva impugnato una pistola e aveva fatto fuoco contro di lei, Annamaria Parmeggiani, ferendola al volto. Una furia omicida fermata dai due figli ventenni della coppia che avevano disarmato l’uomo, dopo il primo colpo esploso, e poi lo avevano nuovamente bloccato quando stava tentando di colpire ancora la donna con un forcone. La 52enne è in osservazione nel reparto di maxillofacciale dell’ospedale e non è in pericolo di vita. L’arma con cui l’uomo ha fatto fuoco, una pistola semiautomatica calibro 7,65, era detenuta illegalmente e aveva anche la matricola abrasa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.