“Sbarra porte e finestre e brucia i vestiti nella sua cameretta”: ragazza campana plagiata da giochini social

La ragazzina si chiudeva in camera, sbarrava porte e finestre, rimaneva al buio e bruciava vestiti. I genitori si sono rivolti ai carabinieri

CAVA DE’ TIRRENIAdolescente plagiata sui socialindagini a Cava de’ Tirreni. La ragazzina si chiudeva in camera, sbarrava porte e finestre, rimaneva al buio e bruciava vestiti. Comportamenti che hanno indotto i genitori, preoccupati, a rivolgersi ai carabinieri. Secondo la famiglia, la giovane cavese sarebbe stata plagiata sui social.

Adolescente plagiata sui social, indagini a Cava de’ Tirreni

Ora sono in corso ulteriori approfondimenti della vicenda – collegata a quanto pare ad alcune influenze trasmesse tramite internet e a un adescamento partito dai social e poi da un sito di giochi e chat anonime – e che preoccupa diversi genitori i quali, a loro volta, avrebbero segnalato comportamenti analoghi dei propri figli.

Secondo una prima ricostruzione, la giovane avrebbe partecipato ad un giochino social – di quelli per testare, tramite una serie di quiz a domande (più o meno personali), la propria personalità – per poi avviare una chat anonima in cui l’interlocutore virtuale metteva alla prova l’utente con una serie di rompicapi per misurarne il coinvolgimento emotivo e la resistenza a stati d’ansia e tensione.

CONTINUA A LEGGERE QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.