Save the Children: “In Campania un bambino/adolescente su tre è in povertà relativa”

In Campania il 32,3% dei bambini e adolescenti vive in condizioni di povertà relativa: qui di seguito tutti i dettagli del rapporto Save the Children

NAPOLI. In Campania il 32,3% dei bambini e adolescenti vive in condizioni di povertà relativa. A Napoli, i 15-25enni senza diploma di scuola secondaria di primo grado sono il 2% al Vomero e quasi il 20% a Scampia.

I dati di Save the Children

Differenze sostanziali tra una zona e l’altra riguardano anche i Neet, ovvero i ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studiano più, sono senza lavoro e non sono inseriti in alcun circuito di formazione: Anche in questo caso le differenze tra aree della città sono significative e vanno dai numeri più bassi di Vomero e Arenella (rispettivamente 9,1% e 10,1%) a zone dove la concentrazione è più alta come Ponticelli, Scampia o San Giovanni a Teduccio in cui quasi un ragazzo su tre vive questa condizione (31,4%, 31,1% e 30,6%). Anche i dati tratti dai test Invalsi testimoniano il divario.

A Napoli, ad esempio, una distanza di 25 punti Invalsi divide i quartieri più svantaggiati da Posillipo. Sono alcuni dei dati contenuti nel IX Atlante dell’infanzia a rischio “Le periferie dei bambini” di Save the Children.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.