Sant’Antimo, revocato affidamento centro sportivo

La gestione era stata affidata alla Polisportiva Sant'Antimo s.r.l.: alla base della decisione del comune alcune inadempienze contrattuali

comune-sant-antimo

SANT’ANTIMO. L’Amministrazione Comunale, con Delibera di G.M. n. 89 del 25 Ottobre 2017, ha fornito agli Uffici competenti l’atto di indirizzo per la risoluzione contrattuale della concessione del servizio pubblico di gestione del complesso sportivo di Via Marconi/Via Mercalli, assegnato alla Polisportiva Sant’Antimo s.r.l.. Qui di seguito un comunicato stampa del comune di Sant’Antimo.

L’atto è scaturito dall’acquisizione del parere legale chiesto dalla stessa Amministrazione all’Avv. Francesco Maria Cainello, il quale, ha ricostruito l’intera vicenda sottesa alla concessione del servizio pubblico di gestione del complesso sportivo di Via Marconi/Via Mercalli, assegnato alla Polisportiva Sant’Antimo s.r.l., in forza del contratto Rep. n. 42/2002, successivamente modificato ed integrato dai contratti aggiuntivi n.ri 4/2003, 149/2004 e 121/2012.

L’Amministrazione Comunale ha ritenuto opportuno e doveroso avviare le procedure tese alla risoluzione del contratto di concessione, in essere con la Polisportiva Sant’Antimo s.r.l.,

– per il reiterato e perdurante inadempimento della Società Polisportiva S. Antimo s.r.l. alla primaria ed essenziale obbligazione di pagamento dei canoni concessori;

– per il mancato pagamento dei ratei dei n. 2 mutui concessi dall’ICS, stante il tenore della clausola risolutiva espressa di cui l’art. 5 del contratto n. 149/2004, laddove prevede che “La Polisportiva S. Antimo s.r.l. provvederà a pagare puntualmente e alle date stabilite le rate del mutuo in questione e che la concessione del servizio di gestione degli impianti sportivi di Via Marconi si intenderà risolta di diritto qualora la stessa non provvederà al pagamento anche di una sola delle rate”;

– per l’avvenuta realizzazione di un albergo, di un ristorante e di un centro benessere, in palese contrasto con lo stringente vincolo funzionale pubblicistico, imprescindibilmente, connesso alla gestione di un impianto sportivo comunale.

La revoca della concessione del complesso sportivo nei confronti della Società Polisportiva Sant’Antimo, rappresenta sotto il profilo politico ed amministrativo, una scelta difficile ma obbligata.

Le gravi omissioni, gli eccessivi vantaggi, per non parlare dell’esposizione delle casse comunali al rischio di ingenti danni economici, hanno richiesto una scelta di campo.

Fatto salvo l’inviolabile diritto di difesa, nelle prossime settimane l’Amministrazione andrà avanti, stabilendo, finalmente, in ottemperanza al contratto e fino alla sua risoluzione, tariffe e percentuali di sconto per i cittadini santantimesi ma soprattutto, garantendo la posizione di ciascun lavoratore del centro sportivo e progettando il miglioramento delle attuali condizioni d’impiego. Ancora una volta dalla parte della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.