Rubavano carte d’identità in bianco dai Comuni napoletani: arrestati due fratelli e una donna

Una donna e due fratelli sono stati arrestati per un furto di carte d'identità in bianco rubate dagli uffici comunali di Nola nel maggio 2017

Questa mattina i carabinieri della compagnia di Nola hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa a carico di Elena Casaburi, 42enne, e di custodia in carcere a carico dei fratelli Antonio e Rosario Criscuolo (classe 1978 e 1972).

Gli indagati sono ritenuti responsabili a vario titolo e in concorso di furto e di tentato furto aggravato di carte d’identità in bianco

Gli indagati sono ritenuti responsabili a vario titolo e in concorso di furto e di tentato furto aggravato di carte d’identità in bianco ai danni di vari enti comunali. Le indagini sono cominciate a seguito del furto di un centinaio di carte d’identità in bianco consumato nel maggio 2017 all’interno del Comune di Nola e sono state sviluppate attraverso l’acquisizione e relativa visione di numerosi filmati delle telecamere pubbliche e private localizzate lungo tutte le possibili vie di fuga dei responsabili, l’analisi di tabulati telefonici, l’attività tecnica e i servizi di osservazione e pedinamento.

All’esito dell’attività si è delineato un grave, concordante ed univoco quadro indiziario a carico delle persone indagate, sia in relazione al suddetto furto che in relazione ad analoghe condotte illecite connesse nei Comuni di San Giuseppe Vesuviano, Teverola (CE) e Marano di Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.