Rapinato e massacrato con un martello e tirapugni di metallo: in 4 nei guai

Il 33enne ha denunciato un’aggressione  a scopo di rapina, da  parte di quattro persone che conosceva. Tra loro un minorenne

Durante la notte gli agenti della polizia di Stato del Commissariato di P.S. Afragola, hanno sottoposto  a fermo di P.G.  il 18enne  P.L., il 20enne P.A., Il 18enne N.A. ed il minore N.P. perché gravemente indiziati del reato di rapina aggravata in concorso tra loro.

Massacrato con un martello e tirapugni di metallo

Durante un servizio di prevenzione e repressione dei reati in genere nel territorio afragolese, i poliziotti sono stati inviati dalla sala operativa da un giovane 33enne che denunciava un’aggressione  a scopo di rapina, da  parte di quattro persone che conosceva. Giunti sul luogo segnalato, gli agenti trovavano la persona aggredita con  il volto tumefatto e numerose escoriazioni sulla testa, il quale riferiva che poco dopo la mezzanotte, mentre rientrava a casa, era stato avvicinato da queste quattro persone che lui conosceva, che lo avevano bloccato e cominciato a picchiare, prima a mani nude e subito dopo utilizzando un tirapugni di metallo ed un martello,  chiedendogli dove avesse il danaro.

Malviventi riconosciuti mentre erano a bordo di una vettura Clio

Mentre era a terra inerme,  gli hanno strappato il giubbino prendendo, da una tasca interna,  tutti i suoi risparmi che ammontavano a 470 euro. Approfittando di un attimo di distrazione degli aggressori riusciva  a sfuggire rifugiandosi presso la sua abitazione dove aveva richiesto l’aiuto della polizia e del 118. Mentre era intento a parlare con i poliziotti la vittima ha indicato una vettura Clio che transitava sotto la sua abitazione in quel momento  con a bordo tre delle persone responsabili dell’aggressione

I poliziotti si ponevano all’inseguimento dell’auto riuscendo a bloccarli; all’interno dell’autovettura è hanno trovato un martello da muratore ed un tirapugni di metallo,  lanciato dall’autovettura Clio durante l’inseguimento,  è stato recuperato dagli agenti. I tre fermati sono stati portati in commissariato dove è giunta  anche la vittima, dopo aver ricevuto le  opportune cure mediche, che riconosceva due dei suoi aggressori, i quali avevano sugli abiti, delle macchie di sangue.

Nel contempo sono giunti parenti ed amici dei fermati , due dei quali avevano gli abiti macchiati di sangue e la vittima li ha indicati quali componenti del commando che lo aveva aggredito e rapinato. Un tentativo di depistare i poliziotti è stato fatto da una parente dei fermati che asseriva di essere stata aggredita da una persona sconosciuta ma, assunta a sommarie informazioni si è più volte contraddetta, riuscendo solo a guadagnare una denuncia per favoreggiamento ai quattro fermati. I tre maggiorenni sono stati associati presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale mentre il minore è stato accompagnato presso il centro minorile dei Colli Aminei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.