Raccolta differenziata, sanzioni alle attività commerciali

Continua l’azione di controllo del territorio da parte degli uomini della Polizia Municipale di Napoli dell’Unità Operativa Vomero

vigili

NAPOLI. Continua l’azione di controllo del territorio da parte degli uomini della Polizia Municipale di Napoli dell’Unità Operativa Vomero per garantire la legalità sul territorio.

Prosegue l’azione d’ispezione presso le attività commerciali al fine di verificare il rispetto della raccolta differenziata secondo le modalità stabilite dai regolamenti.

Raccolta differenziata, sanzioni alle attività commerciali

Infatti si è verificato che spesso molte attività continuano a gettare nei bidoni della spazzatura rifiuti promiscui senza rispettare la differenziata o spesso lasciano i bidoncini dei rifiuti sulla sede stradale in orari o giorni diversi da quelli stabiliti.

Sono state sanzionate per non aver rispettato la raccolta differenziata diverse attività commerciali in via Petrarca, via Cilea, via San Domenico, via Bernini, via Luca Giordano, Piazza Immacolata, Port’Alba, via S. Maria di Costantinopoli, via Cisterna dell’Olio.

Anche per tre privati cittadini nella zona del Vomero scattava la sanzione perché conferivano i rifiuti solidi urbani fuori dagli orari previsti.

Proprio per garantire un corretto ciclo dei rifiuti l’ultima Ordinanza emanata dal Sindaco di Napoli ha inasprito le sanzioni amministrative per i trasgressori e per i titolari delle attività ha previsto la segnalazione agli uffici preposti a rilasciare l’autorizzazione al fine di avviare, nei casi di gravi e/o reiterate violazioni i procedimenti di sospensione o revoca dell’autorizzazione amministrativa.

Occupazione suolo pubblico, le sanzioni

Inoltre sono stati verbalizzati due titolari di edicole uno in Piazza Vanvitelli che eccedeva nell’occupazione di suolo per metri quadrati 21 l’altro in Piazza Medaglie d’Oro che eccedeva nell’occupazione per metri quadrati 5. Inoltre sempre in Piazza Medaglie D’Oro è scattata la sanzione per il titolare di una pizzeria perché eccedeva di mq 18 rispetto al titolo concessorio mediante l’istallazione di tavoli, sedie ed ombrellone.

Anche in via Morghen il gestore di una pescheria veniva verbalizzato per occupazione abusiva per mq 10 perché aveva posizionato panche e casse sul suolo. In Via Aniello Falcone per un bar della zona veniva emessa la sanzione per eccedenza dell’occupazione di suolo rispetto alla concessione perché con i tavoli e sedie aveva occupato l’intero marciapiede. Invece l’attività di rosticceria sita in via Bernini veniva riscontrata un’occupazione difforme rispetto al titolo concessorio.

Seguirà per tutte le attività la segnalazioni agli uffici competenti per i successivi adempimenti ed alla Direzione Centrale del Comune di Napoli competente per l’emissione della diffida prevista per reiterazione dell’occupazione abusiva o per l’applicazione della stessa perché attività recidive,dalla quale scaturiranno giorni di chiusura per le attività colpite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.