Quattro tazze di caffè al giorno proteggono il muscolo cardiaco: lo studio

Un nuovo studio ha dimostrato che bere 4 tazze di caffè al giorno protegge dai danni del muscolo cardiaco attraverso l'effetto della caffeina sulla proteina p27

L’assunzione di caffeina è stata associata ad un minor rischio di diverse malattie metaboliche croniche come le malattie cardiovascolari (ictus e cardiopatia ischemica) e il diabete di tipo II.

Lo studio

L’attuale studio, che è stato condotto presso l’Heinrich-Heine-University e l’IUF-Leibniz Research Institute for Environmental Medicine di Duesseldorf, Germania, mostra che la caffeina, a una concentrazione equivalente a quella in quattro tazze di caffè, lavora per migliorare il mitocondrio entrata di una proteina chiamata p27. Questa proteina promuove efficacemente la funzione mitocondriale. Protegge le cellule del cuore e dei vasi sanguigni dai danni.

La proteina p27

Lo studio è stato recentemente pubblicato nella rivista PLOS Biology . Ricerche precedenti condotte dagli stessi scienziati hanno rivelato che la caffeina migliora la funzione delle cellule endoteliali che rivestono il sistema cardiovascolare. Si è visto che questo si verificava a dosi normali e sicure ed era correlato ai mitocondri.

A seguito dello studio, gli scienziati si sono concentrati sulla proteina p27, meglio conosciuta come inibitore del ciclo cellulare, e hanno scoperto che era presente nei mitocondri di tutti i principali tipi di cellule nel cuore. La proteina p27 previene la morte cellulare nelle cellule del muscolo cardiaco, incoraggia le cellule endoteliali a migrare e promuove la maturazione dei fibroblasti nelle cellule contrattili. Questi processi sono componenti vitali della riparazione del muscolo cardiaco a seguito di un attacco di cuore. La caffeina promuove questa riparazione facilitando il primo passo, cioè l’ingresso della proteina p27 nei mitocondri, a livelli fisiologici. Questo effetto protettivo contro i danni del cuore è presente nei topi anziani, obesi e prediabetici.

I nostri risultati indicano una nuova modalità di azione per la caffeina, una che promuove la protezione e la riparazione del muscolo cardiaco attraverso l’azione del p27 mitocondriale. Questi risultati dovrebbero portare a strategie migliori per proteggere il muscolo cardiaco dai danni, inclusa la considerazione del consumo di caffè o della caffeina come fattore dietetico aggiuntivo nella popolazione anziana. Continua a leggere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.