Quartieri Spagnoli, sequestrato cantiere con amianto all’interno

La polizia municipale ha effettuato un controllo in un cantiere ai Quartieri spagnoli, scoprendo la presenza di amianto nella zona

NAPOLI. Nell’ambito delle attività di controllo predisposte dalla Polizia Municipale finalizzate a prevenire e reprimere ogni illegalità in materia ambientale, personale della Polizia Ambientale durante il pattugliamento delle strade a ridosso di p.tta Parrocchiella, ai Quartieri Spagnoli, scoprivano operai intenti a lavorare in un cantiere aperto all’interno di un condominio, che tra le macerie prodotte dalle opere di demolizione vi erano frammenti di quello che era stata una condotta fognaria in amianto.

Amianto nel cantiere

Gli Agenti fermavano immediatamente i lavori e inibivano il transito sia dei pedoni che dei veicoli, veniva imposto agli operai di munirsi dapprima delle protezioni personali e poi di mettere in sicurezza l’area, in attesa che giungesse la ditta specializzata per l’idonea bonifica.

I lavori furono commissionati dal condominio a seguito di una prescrizione data dal servizio fognature del Comune di Napoli per sanare una perdita che causava la fuoriuscita di reflui.

La ditta esecutrice, una volta accortasi che la condotta era in amianto, avrebbe dovuto interrompere i lavori e procedere con un piano di rimozione idoneo e supervisionato dalla ASL competente. Gli operai dell’impresa, invece, hanno proceduto con la distruzione a suon di mazzola della condotta da sostituire sebbene costituita da amianto, e a disperderne i frammenti nello scavo creatosi unitamente ad altri detriti, utilizzandolo come riempimento della buca.

Il cantiere è stato posto a sequestro giudiziario, la ditta esecutrice ed il condominio deferiti alla A.G. ai sensi del d.lgs. 81/2008 e l’amianto presente, a spesa dei denunziati, fatto rimuovere da ditta specializzata per il successivo smaltimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.