Pugno artico, Italia ko

Crollo termico di 12-15°C con valori massimi che faranno fatica a salire sopra i 20°C di giorno, mentre quelli notturni scenderanno improvvisamente sotto i 10°C

Con l’equinozio d’autunno torna anche il maltempo.

La tanto attesa svolta del tempo, sta per concretizzarsi

A partire da lunedì, quando la Bora comincerà a fare irruzione a partire dal Nordest, nei giorni successivi si intensificherà ulteriormente soffiando fino a 100 km/h e temporali con grandine dalla Romagna si estenderanno alle regioni adriatiche e, dopo aver scavalcato gli Appennini, raggiungeranno anche il Lazio, la Sardegna e la Sicilia.

Tutto ciò sarà accompagnato da un crollo termico di 12-15°C con valori massimi che faranno fatica a salire sopra i 20°C di giorno, mentre quelli notturni scenderanno improvvisamente sotto i 10°C sulle pianure del Centro-Nord come a Milano, Torino, Bologna, Firenze e Roma, mentre diffuse gelate colpiranno le zone montuose sopra i 1.000 metri.

Inoltre da giovedì – avvisa Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito www.iLMeteo.it – l’aria fredda polare che avrà dilagato su tutta Italia formerà un vortice ciclonico sulle regioni meridionali che nei giorni seguenti sarà responsabile di un’intensa fase di maltempo con nubifragi e temporali dalle regioni adriatiche a tutto il Sud, pure con il ritorno della neve sugli Appennini sopra i 1.200 metri, quota veramente bassa per il periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.