Protezione civile, approvata delibera sul bando regionale

Il comune di Napoli parteciperà al bando regionale per il finanziamento della pianificazione di emergenza comunale di protezione civile

raffaele-del-giudice

NAPOLI. La Giunta Comunale ha approvato, su proposta del Vicesindaco e Assessore all’ambiente con delega alla Protezione Civile Raffaele del Giudice, la Delibera di “Approvazione del progetto per la partecipazione al bando regionale in tema di protezione civile pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania n° 66 del 4 settembre 2017 per il finanziamento della pianificazione di emergenza comunale di protezione civile”.

In caso di accesso al finanziamento il Comune potrà implementare gli strumenti di Protezione Civile già vigenti con la revisione completa del Piano Comunale di Emergenza, l’aggiornamento del Piano per il Rischio Idrogeologico, il completamento del Piano per il Rischio Vulcanico (Vesuvio e Campi Flegrei) e la stesura del Piano per il Rischio Sismico. Si prevede, inoltre, la redazione e stampa di materiale informativo sui rischi del territorio e l’installazione della segnaletica di protezione civile nelle aree di attesa in caso di emergenza.

Il progetto candidato al finanziamento regionale prevede, oltre a ciò, la costituzione del Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile oltre l’acquisizione di idonea dotazione informatica, la fornitura di dotazioni e attrezzature per i volontari del gruppo, l’acquisto di veicoli fuoristrada per le attività di protezione civile, di attrezzature d’emergenza per interventi operativi e di materiale per la logistica e allestimento delle aree di accoglienza.

“Il costante aggiornamento dei piani a disposizione della Protezione Civile – ha dichiarato il Vicesindaco – il coinvolgimento delle Associazioni di Volontari e la crescente importanza data all’informazione corretta, vanno nella direzione indicata dall’idea di protezione civile come azione collettiva della città, non delegata ai soli specialisti ma che sia capace di coinvolgere dinamicamente i singoli cittadini, le comunità e le istituzioni nel reciproco supporto durante le situazioni di emergenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.