“Pronto nonno sono disperato”: al telefono la truffa del falso nipote

Il truffatore è stato subito dopo bloccato dai militari dell’Arma mentre tentava di raggiungere il complice che lo stava attendendo a bordo di un’autovettura

I Carabinieri della Stazione di Caiazzo, unitamente ai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Caserta e quelli territorialmente competenti, in via Piave ad Avellino, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per truffa in danno di anziani, di Bracale Rocco, cl. 1965, e Puccinelli Gennaro, cl. 1983, entrambi residenti a Napoli.

Truffafano gli anziani fingendo di essere i loro nipoti

I due, a seguito di un mirato servizio di pedinamento, sono stati sorpresi mentre  ponevano in atto una truffa in danno di una ottantanovenne di Avellino, pensionata, invalida.

Nella circostanza, dopo che un complice aveva convinto  telefonicamente la vittima di essere il nipote e le aveva riferito di aver urgente bisogno di soldi da versare ad uno studio legale per concludere positivamente un operazione in banca, Bracale Rocco si è presentato a casa della pensionata e si è fatto consegnare la somma di euro 3.800,00 in contanti.

Il truffatore è stato subito dopo bloccato dai militari dell’Arma mentre tentava di raggiungere il complice che lo stava attendendo a bordo di un’autovettura.

Il denaro è stato recuperato e restituito alla legittima proprietaria.

Gli arrestati sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della Stazione di Avellino, in attesa di essere giudicati con rito direttissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.