Piena del Riganello al Pollino, coinvolta una famiglia di Torre del Greco

Non c'è pace per la città corallina: dopo la tragedia del ponte Morandi di Genova, la città è in apprensione per la sorte di una famiglia

TORRE DEL GRECO. Dopo la sciagura del crollo del Ponte Morandi a Genova – costato la vita a quattro ragazzi di Torre del Greco – ancora dolore per la città corallina: nel dramma della piena del Riganello al Parco del Pollino è coinvolta una famiglia torrese. Si tratta dei Sarnataro-Marrazzo: Giovanni Sarnataro, 42 anni, avvocato di Torre del Greco, sua moglie Immacolata Marrazzo, anche lei avvocato, e i loro due figli Angela e Mario, un maschietto e una femminuccia. Al momento Immacolata Marrazzo risulta tra i dispersi. Lo riporta il quotidiano Il Mattino.

Pollino, dispersa Immacolata Marrazzo di Torre del Greco

La famiglia di Torre del Greco, molto conosciuta e stimata in città, da qualche giorno era in vacanza in Calabria: durante i drammatici momenti dell’esondazione del torrente, i quattro si trovavano proprio nella gola del Raganello per un’escursione. Giovanni e il figlio maschio Mario sono ricoverati all’ospedale di Cosenza mentre la bambina Angela si trova all’ospedale di Castrovillari.

L’Irt Protezione Civile di Torre del Greco è in stretto contatto con l’unità di crisi calabrese per ricevere informazioni. Ieri pomeriggio un’ondata di piena del Riganello ha travolto due gruppi di escursionisti: le vittime accertate sono 10 vittime, sei donne e quattro uomini, ma il bilancio sembra destinato a salire. Il sindaco Giovanni Palomba ha scritto su Facebook: «Tragedia del Pollino famiglia torrese padre e due figli in ospedale in codice giallo mentre stiamo cercando di avere notizie tramite protezione civile sulla madre».

Altre due ragazzine napoletane – riferisce Il Mattino – inoltre sono ricoverate in ospedale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.