Piantagione di canapa nel terreno di granturco, denunciati zio e nipote

Più di trenta piante di marijuana di altezza media di un metro e mezzo erano coltivate all'interno di un vasto appezzamento di terreno

Napoli, guardia di finanza, sequestri, evasione fiscale

NAPOLI. Più di trenta piante di marijuana di altezza media di un metro e mezzo erano coltivate all’interno di un vasto appezzamento di terreno seminato a granturco.

Piantagione di canapa scoperta nel casertano

La piantagione è stata scoperta a San Tammaro, nel casertano, dalla guardia di finanza di Capua, che l’ha posta sotto sequestro denunciando alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, per il reato di produzione e detenzione illecite di sostanza stupefacente, il proprietario del terreno e il nipote, affidatario della coltivazione del fondo.

Decisivo per scoprire la piantagione il volo di ricognizione effettuato nei giorni scorsi dall’elicottero della guardia di finanza della Sezione Aerea di Napoli; senza il sopralluogo aereo, l’innesto vegetale abilmente effettuato nel mezzo del campo, sarebbe stato praticamente invisibile dall’esterno.

Il terreno agricolo era di circa 7mila metri quadrati. Secondo le stime della finanza lo stupefacente, una volta immesso sul mercato, avrebbe fruttato un guadagno di oltre 30mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.