Paura all’esterno del museo, pitbull azzanna pitbull

Attimi di terrore all'esterno del Museo Mann l'altro ieri, dove un pitbull senza guinzaglio e senza museruola ha aggredito un altro cane della stessa razza

pitbull

NAPOLI. Attimi di terrore all’esterno del Museo Mann l’altro ieri, dove un pitbull senza guinzaglio e senza museruola ha aggredito un altro cane della stessa razza, che passeggiava con il suo padrone. Lo riporta il quotidiano Il Mattino.

Pitbull azzanna pitbull

L’episodio si è verificato poco dopo le otto di sera e solo grazie al pronto intervento di un veterinario che transitava a piedi e che, dopo una serie di tentativi di far mollare la presa al molosso,alla povera bestiola azzannata alla gola.

“Il mio cane – racconta M.I., che ha denunciato l’episodio alla sezione Ambientale della Polizia Municipale, guidata dal capitano del gaudio – era regolarmente a guinzaglio e con la museruola quando, all’improvviso, è stato attaccato da un altro cane, un pitbull di colore nero con collare e senza guinzaglio, che lo ha azzannato al collo. Non mollava più la presa nonostante io ed altri passanti tentassimo in tutti i modi di farlo desistere dall’attacco”.

Provvidenziale l’intervento del medico veterinario, che è riuscito a sollevare il molosso per le zampe posteriori, inducendolo a mollare la presa. “Solo allora – si legge ancora nella denuncia – sono comparsi un uomo e una donna che finalmente hanno assicurato il loro cane al guinzaglio, allontanandosi subito dopo repentinamente, senza preoccuparsi minimamente di verificare le ferite causate alla mia bestiola”.

Il pitbull ferito è stato trasportato d’urgenza presso la Clinica Veterinaria Cavour: presentava due profondi fori sul lato sinistro del collo. L’animale, dichiarato successivamente fuori pericolo, è potuto finalmente tornare a casa. “Mi auguro – ha concluso M.I. – che si riescano a identificare e punire i proprietari di quel cane aggressivo e lasciato senza alcuna precauzione in strada”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.