Orrore in Campania: uccise la mamma nel sonno. Ora chiede scusa

Battipaglia, uccise la mamma nel sonno. Ora chiede scusa. Il pm ha presentato istanza per il minino della pena e le attenuanti

BATTIPAGLIA. Battipaglia, uccise la mamma nel sonno. Ora chiede scusa. Il pm ha presentato istanza per il minino della pena e le attenuanti. Lo scorso dicembre, il 42enne Gaetano Caraccio uccise la madre, Vittoria Natella di 74 anni. La strangolò con la cintura dei pantaloni mentre lei dormiva. Ieri è comparso davanti al gup del tribunale di Salerno, Vincenzo Pellegrino.

Le richieste del pm: minimo della pena e concessione delle attenuanti generiche

Il matricida, che ha già confessato, ha scelto il giudizio abbreviato. L’assassino, gravato da seminfermità mentale, è accusato di omicidio volontario. Il pm Elena Cosentino ha chiesto il minimo della pena e la concessione delle attenuanti generiche.

I rapporti tra madre e figlio

All’origine di quel raptus omicida ci sono i rapporti tra madre e figlio, dove la vittima era oppressiva e a tratti asfissiante. E poi quel peso psicologico di accudire la donna anziana e malata, altro fattore che ha inciso. Madre e figlio, a causa dei loro problemi psichici, si erano quasi isolati dai contesti sociali, senza relazionare con altri, ed erano divenuti l’uno indispensabile per l’altro.

L’omicidio a Battipaglia

Dopo l’ennesimo litigio, la sera del 22 dicembre Caraccio era fuori di sé e la uccise. La tragedia familiare avvenne in una palazzina di via Clemente Tafuri, nel parco delle Magnolie. La donna, vedova da diversi anni, venne soffocata a mani nude mentre si trovava nella stanza da letto. Solo il mattino seguente, poco dopo le 9, i carabinieri della compagnia di Battipaglia, diretti dal maggiore Erich Fasolino, bussarono alla porta dell’abitazione al terzo piano.

Gaetano Caraccio

Il ritrovamento della donna morta

A chiedere il loro intervento era stato un inquilino del palazzo, infastidito dai rumori molesti che arrivavano dall’appartamento della famiglia Caraccio. Ai militari si presentò la scena della donna morta mentre il figlio era in garage, scioccato e disorientato.

Le indagini

Le indagini per chiarire l’omicidio furono subito indirizzate sul rapporto tra madre e figlio. La prima venne descritta come una figura paranoica, il secondo era molto attaccato a lei quasi in modo viscerale. Il figlio, inoltre, soffriva oltremodo il peso di dover badare alla madre, anziana e con gravi problemi di salute. Troppe responsabilità per la sua fragile personalità. Al punto di farlo andare fuori di senno e di fargli perdere il controllo per qui pochi minuti che segnarono ancor di più la sua esistenza

L’udienza preliminare

A nove mesi dall’omicidio, in occasione dell’udienza preliminare, Caraccio ha ricordato quei momenti ed ha chiesto ancora una volta perdono per la sua grave azione. Nei bagliori di lucidità si è mostrato pentito per il suo gesto. E solo con il passare del tempo il matricida ha materializzato quanto accaduto

CONTINUA A LEGGERE QUI


Fonte: la città

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.