Omicidio D’Andò, sette persone arrestate dalla polizia

In data odierna la Squadra Mobile presso la Questura di Napoli ha dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per sette indagati

NAPOLI. In data odierna la Squadra Mobile presso la Questura di Napoli ha dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare che ha disposto la custodia in carcere nei confronti di 7 indagati, emessa dal giudice per le indagini preliminari presso il tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di soggetti ritenuti responsabili dell’omicidio per lupara bianca di Antonino D’Andò, scomparso il 22 febbraio 2011, ritenuto uno dei luogotenenti di Carmine Amato, a sua volta erede di Raffaele Amato cl. 65, uno dei capi della consorteria camorristica Amato – Pagano.

L’omicidio e le indagini

Le attività di indagine – fondate su dichiarazioni di collaboratori di giustizia, intercettazioni e un’ampia messe di riscontri – hanno consentito di ricostruire mandanti ed esecutori di un omicidio ‘eccellente’ che costituì un’epurazione interna decisa da una componente del clan, quella facente riferimento a Mariano Riccio, genero di Cesare Pagano e designato a capo dell’organizzazione criminale, ai danni della componente che faceva riferimento agli Amato.

Il D’Andò venne assassinato e il suo cadavere fatto sparire non per dissimulare la responsabilità dell’omicidio, ma quale ultimo atto di affronto nei riguardi di un affiliato rimasto fedele agli Amato e che non vedeva di buon occhio la leadership di Mariano Riccio.

Il D’Andò fu attirato in trappola, venendo convocato per una riunione in uno dei covi del clan, per essere subito ucciso da un soggetto, legato da vincoli di sangue ai Pagano, che così se ne assunsero la diretta responsabilità, e poi sepolto in un terreno incolto rimasto ignoto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.