Neomelodico napoletano finisce in carcere, il “Piccolo Nardi”incastrato da un video

Via Youtube l’artista ha lanciato il suo ultimo brano “‘A storia e nu quartiere” facendosi immortalare nel video alla guida di uno scooter senza casco

Ancora guai per il neomelodico Luigi Ercole, in arte “Piccolo Nardi”.  Come riporta Luigi Nicolosi sulle pagine de “Il Roma“, il noto neomelodico è ritornato nelle scorse ore nel carcere di Poggioreale dopo aver violato più di una volta il regime della semilibertà che gli era stato imposto dal Tribunale di Napoli.

Non si presentava sul posto di lavoro indicato al giudice.

Inoltre in alcune circostanze il 34enne non si sarebbe neppure presentato sul posto di lavoro indicato al giudice.

I problemi con la giustizia per il Piccolo Nardi non sarebbero però finiti qui. Sono in corso infatti accertamenti su tutta una serie di violazione al codice della strada commessa dal 34enne. Lo scorso 28 luglio via Youtube l’artista ha lanciato il suo ultimo brano “‘A storia e nu quartiere” facendosi immortalare nel video alla guida di uno scooter senza casco. Non solo. Nardi non ha la patente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.