Lavoro nero a Napoli sotterranea, la videodenuncia dell’Ex OPG

Le testimonianze degli ex lavoratori, la denuncia, le messe in mora e altri documenti nell'inchiesta sul lavoro nero a Napoli sotterranea

lavoro-nero

NAPOLI. La vicenda del lavoro neroNapoli sotterranea continua a suscitare clamore. Oltre alle dichiarazioni dell’assessore Enrico Panini, l’inchiesta condotta dall’Ex OPG Occupato “Je so Pazzo” ha scatenato l’indignazione e la rabbia di molte persone sul web.

 

La videoinchiesta su Napoli sotterranea

 

Il collettivo ha denunciato su Facebook, e non solo, le condizioni in cui sono costretti ad operare i lavoratori di Napoli sotterranea, uno dei siti turistici più visitati del capoluogo campano. Con più di 100.000 visitatori all’anno, Napoli sotterranea rappresenta una vera miniera d’oro che però non viene sfruttata nel migliore dei modi.

Anzi, a sfruttarla qualcuno ci sarebbe. Tuttavia la denuncia dei lavoratori, tramite comunicati, foto, messe in mora e altri materiali raccolti dall’Ex OPG Occupato “Je so Pazzo” potrebbe finalmente muovere un meccanismo di difesa tramite il quale dare un brutto colpo alla piaga del lavoro nero che da secoli affligge la realtà partenopea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.