Da Napoli a Rimini, rapinatori in trasferta incastrati dalle impronte digitali

I rapinatori si erano spinti da Napoli fino a Rimini per derubare una tabaccheria. Decisive le impronte digitali lasciate sui Gratta e Vinci rubati

Una banda di rapinatori è in stato di fermo dopo essersi spinta da Napoli fino a Rimini per derubare una tabaccheria. Decisive le indagini della Scientifica e le impronte digitali lasciate sui Gratta e Vinci rubati.

Partiti da Napoli derubano una tabaccheria a Rimini: arrestati i rapinatori

Avevano rapinato un esercizio commerciale in centro a Rimini, portandosi a casa, tra soldi contanti e un centinaio di Gratta e Vinci. Un bottino complessivo pari a circa 1.500 euro. I due rapinatori hanno riscosso poi le vincite in due tabaccherie a Rimini e Cattolica.



Le impronte digitali

Proprio le impronte digitali rilevate sui tagliandi sono state decisive ai fini dell’indagine, incastrando i due sospettati, ora in carcere in seguito ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Rimini.

I fatti risalgono allo scorso luglio, quando uno dei due uomini si è introdotto all’interno di una tabaccheria munito di pistola, con il volto occultato da un berretto e da un paio di occhiali da sole, mentre il complice era rimasto fuori ad attenderlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.