Napoli, mare bianco a Mergellina: il responsabile è stato punito così

Mare bianco a Mergellina: il responsabile è stato punito così. Dopo lo sversamento avuto due giorni fa, il responsabile è stato trovato e punito

mare bianco mergellina

NAPOLI. Mare bianco a Mergellina: il responsabile è stato punito così. Dopo lo sversamento avuto due giorni fa, il responsabile è stato trovato e punito.

Napoli, mare bianco a Mergellina: il responsabile è stato punito

Dopo quello che è accaduto nel mare di Mergellina, il responsabile dello sversamento è stato ritrovato. L’uomo però a quanto sembra potrebbe cavarsela con una “semplice multa”, nonostante il reato di inquinamento ambientale sia ben più grave di quanto si voglia far credere. Eppure, è il codice penale a prevedere questa “Punizione”, probabilmente non esemplare per il reato commesso.


mare bianco mergellina


Il verbale della Municipale

Secondo quanto verbalizzato dagli uomini della Municipale alle 9.30, il mezzo accede al tombino di ispezione per eseguire un intervento di espurgo commissionato dal condominio. La cisterna però è già piena di fanghi di polvere di marmo caricati il giorno prima presso un altro sito. Nel compiere l’operazione di espurgo l’operaio, dopo aver aperto il tombino del condominio, apre anche inspiegabilmente un tombino della rete pluviale. Dopo questa operazione, l’uomo vi immette il grosso tubo della cisterna e ve ne scarica il contenuto, che di conseguenza  finisce in mare.

Il responsabile, di Caivano, risulta essere sprovvisto di qualsiasi documento di trasporto rifiuti, sia dell’intervento della mattina che del prelievo dei fanghi di marmo del giorno prima.

Denunciato il responsabile

Dopo essere stato rintracciato, il responsabile è stato denunciato per l’immissione in mare di rifiuti liquidi speciali. A Caivano invece il veicolo utilizzato per l’immissione dei rifiuti è stato sequestrato. Adesso si attendono i risultati dei prelievi eseguiti dai tecnici dell’Arpac per determinare l’entità del danno e la quantità dei rifiuti immessi in mare. Anche in base a questo si valuteranno ulteriori responsabilità penali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.