Napoli, autista del 118 minacciato si chiude in ambulanza

Napoli, autista del 118 minacciato si chiude in ambulanza. Ancora un altro caso di violenza, verbale e fisica, contro le ambulanze e i soccorsi

Ambulanza

Napoli, autista del 118 minacciato si chiude in ambulanza. Ancora un altro caso di violenza, verbale e fisica, contro le ambulanze e i soccorsi.

Napoli, autista del 118 minacciato si chiude in ambulanza

Un autista del 118 in servizio a Napoli, è stato costretto a chiudersi dentro il mezzo di emergenza per evitare un’aggressione. L’episodio è avvenuto lungo corso Umberto nel primo pomeriggio, durante un’operazione di soccorso. Il personale dell’ambulanza della postazione ‘Ascalesi’ era in procinto di caricare il paziente e stava occupando temporaneamente la sede stradale. Mentre i sanitari avevano avviato l’intervento, un centauro a bordo di uno scooter ha suonato ripetutamente il clacson, apostrofando con insulti il personale del 118 fino alle minacce vere e proprie. L’uomo dopo essersi tolto il casco e aver messo lo scooter sul cavalletto si è avvicinato minacciosamente all’autista soccorritore strattonandolo e minacciandolo di morte.


Ambulanza


La paura

L’autista del mezzo di soccorso si è chiuso dentro l’ambulanza mentre, dall’esterno del mezzo, l’energumeno continuava ad offenderlo e minacciarlo di morte. L’episodio è stato denunciato dall’associazione ‘Nessuno tocchi Ippocrate” che l’ha registrato come il 19esimo caso dall’inizio dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.