Napoletani scomparsi in Messico, il legale: “Forse per i politici non sono italiani”

«Abbiamo sentito gridare molte volte "viva gli italiani" ma evidentemente i Russo e i Cimmino non lo sono per le nostre istituzioni»

NAPOLI. «Abbiamo sentito gridare molte volte “viva gli italiani” ma evidentemente i Russo e i Cimmino non lo sono per le nostre istituzioni». Così l’avvocato Claudio Falleti, legale delle famiglie dei tre napoletani scomparsi in Messico che rivolge al nuovo governo «la stessa preghiera che abbiamo rivolto a quello uscente: aiutateci a sapere che fine hanno fatto i nostri concittadini». Di Raffaele e Antonio Russo e di Vincenzo Cimmino, non si hanno più notizie dallo scorso 31 gennaio. Le dichiarazioni del legale sono state riportate dal quotidiano Il Mattino.

“I napoletani scomparsi in Messico non sono italiani?”

«Adesso la politica si assuma le proprie responsabilità per tutelare i propri cittadini», dice ancora Falleti. «È una storia triste quella dei Russo e dei Cimmino – ricorda l’avvocato – Scomparsi il 31 gennaio nel Paese centroamericano e dei quali non si hanno più notizie. Una vicenda iniziata in piena campagna elettorale, quando nessun rappresentante del nostro Stato aveva abbastanza tempo per occuparsene seriamente. Poi ci sono state le elezioni e adesso il Governo». «Dopo la promessa – ricorda Falleti – già disattesa dallo staff del presidente Fico (ancora attendiamo un appuntamento), chiediamo ai ministri incaricati della questione di occuparsene veramente».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.