Mazzette per sostenere i carcerati, emesse tre ordinanze

I titolari di un ingrosso di frutta e ortaggi di Afragola costretti a sborsare 12.500 euro per continuare a lavorare in tranquillità

AFRAGOLA. Chiedevano mazzette a imprenditori ortofrutticoli “per aiutare i carcerati”. I carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre uomini, ritenuti vicini al clan Moccia, già fermati tre settimane fa su provvedimento emesso dalla Dda di Napoli e portati nel carcere di Secondigliano. L’accusa è di  tentata estorsione aggravata da finalità mafiose. I tre sono finiti in carcere in seguito alla denuncia dei titolari di un ingrosso di frutta e verdura che, minacciati, avrebbero dovuto sborsare 12.500 euro per continuare a lavorare tranquillamente e “per sostenere i carcerati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.