Matteo Salvini a Napoli, cartelli di protesta apposti e rimossi

Matteo Salvini è atteso in prefettura a Napoli per presiedere il comitato provinciale per l'ordine pubblico e la sicurezza

NAPOLI. Cartelli contro il decreto legge Salvini sono stati apposti nella notte e poi rimossi su alcune statue del centro di Napoli dove il ministro, prima volta da quando è al Governo, è atteso per presiedere in Prefettura il comitato di Ordine e sicurezza pubblica. Lo riporta il quotidiano Il Mattino.

Cartelli di protesta contro Salvini

Nelle scritte, a firma Potere al Popolo e con l’hashtag #controilgovernodellodio, si critica il dispositivo paragonandolo alle leggi razziali e definendolo «un regalo a mafia e capolarato».

«Tante persone – si legge sui profili social del partito PaP -, arrivano in Italia dopo traversate nel deserto, torture, molto spesso a causa delle guerre e i nostri Governi pensano bene di lasciarli morire in mare o di farli sprofondare nel limbo della clandestinità».

«Tantissime persone in Italia vivono sotto la soglia di povertà e non riescono più a pagare l’affitto…il Governo la risolve buttandoli in mezzo ad una strada. Dieci anni di crisi e sembrerebbe che la colpa sia di ‘rom’ e ‘centri socialì. Il 12 ottobre – si legge – saremo in piazza perché a questa idea di sicurezza basata sulla paura, l’odio e l’intolleranza, sul controllo della popolazione e l’individuazione del «capro espiatorio» noi vogliamo proporre una nostra idea di sicurezza, fatta di cooperazione, solidarietà, diritti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.