Marano di Napoli, scoperta centrale di auto rubate: cinque arresti

I carabinieri hanno effettuato un blitz in un capannone a Marano e hanno tratto in arresto cinque persone in flagranza di reato

MARANO DI NAPOLI. I carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato Fortunato Piccirillo, 53 anni, Biagio Panico, 30 anni, e Ciro Russo, 51 anni, tutti già noti alle forze del’ordine e residenti nel quartiere napoletano di Miano. Lo riporta il quotidiano Il Mattino.

Il blitz nel capannone a Marano di Napoli

Facendo irruzione in un capannone su via Barco ove i report dei servizi di pattugliamento indicavano movimenti sospetti, i militari dell’aliquota Radiomobile hanno sorpreso i tre mentre erano intenti a tagliare con un flessibile sette autovetture provento di altrettanti furti consumati tra la scorsa settimana e il 3 ottobre nel quartiere collinare del Vomero e in alcuni paesi del vesuviano e del casertano.

Continuano le indagini per identificare coloro che le hanno materialmente rubate e portate al trio.

Nel frattempo, dalle prime indagini, è emerso che ogni vettura rubata era stata “pagata” al ladro tra i 500 e i 600 euro e che l’intenzione di Piccirillo, Panico e Russo era quella di rivenderle a pezzi guadagnando il triplo di quanto elargito per ottenerle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.