Manutenzione stradale sull’isola di Ischia, la delibera approvata

Messa in sicurezza delle strade dell'isola di Ischia, la delibera approvata dalla Città metropolitana di Napoli: tutti i dettagli

ISCHIA. Il sindaco metropolitano Luigi De Magistris ha approvato una delibera, immediatamente eseguibile, per dare l’avvio, d’intesa con il commissario delegato agli interventi, ad una nuova opera di messa in sicurezza di alcune strade, di pertinenza della Città Metropolitana di Napoli, colpite dal sisma dell’anno scorso nell’isola di Ischia. È quanto si legge in una nota.

Manutenzione strade a Ischia, la nota

“Nello specifico si tratta di dare immediato avvio agli interventi urgenti sulle Strade Provinciali 505 Casamicciola contrada Celario (via Santa Barbara) e 431 Borbonica (per l’intera tratta) con la ricostruzione dei parapetti murari e l’ adeguamento nei confronti delle azioni sismiche. L’importo complessivo dell’intervento è di euro 807.200,00”, si sottolinea.

“Voglio ricordare che già dalle prime ore immediatamente successive al terremoto – ha detto il sindaco metropolitano de Magistris – ci siamo attivati con i tecnici della Città Metropolitana per dare il maggior supporto possibile alla cittadinanza ischitana in stretta collaborazione con i sindaci dei Comuni colpiti. Grazie anche a questo ennesimo intervento, strade e mura di contenimento di tutta la rete stradale di nostra competenza vengono messe in assoluta sicurezza”.

Soddisfazione è stata espressa anche dal consigliere delegato alle strade della Città Metropolitana, Raffaele Cacciapuoti: “Innanzitutto – ha sottolineato – voglio ringraziare la struttura tecnica per l’ottimo lavoro svolto fin dal primo giorno dopo la gravissima scossa iniziale. In secondo luogo, mi preme evidenziare che, con questi atti, la nostra Amministrazione guidata dal sindaco de Magistris ha dato prova di grande attenzione verso un territorio duramente colpito dal sisma. Stiamo compiendo ogni sforzo possibile nell’interesse delle comunità colpite per un ritorno alla completa normalità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.