Le Baccanti di Euripide al Mercadante, con Cristina Donadio

La versione proposta da Andrea De Rosa, tra antico e moderno. Le Baccanti al Teatro Mercadante di Napoli: in scena anche la Scianel di Gomorra

Le-Baccanti

NAPOLI. Il Teatro Mercadante ospita una riproposizione moderna e in chiave rock de Le Baccanti di Euripide. L’opera è in programma dal 22 novembre al 3 dicembre 2017. Nel cast c’è anche Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra che oggi ha condiviso un post in cui immortala una scena della rappresentazione.

 

 

Le Baccanti di Andrea De Rosa

 

La versione de Le Baccanti proposta da Andrea De Rosa riprende una storia antichissima di secoli, riproposta in chiave contemporanea.

«Le baccanti di Euripide – spiega il regista – è un testo che pone sempre numerose sfide a chi lo voglia mettere in scena, la prima e la più importante delle quali consiste nell’essere l’unica tragedia il cui protagonista è un dio (Dioniso). Come rappresentarlo? Come mettere in scena un dio? “Dio è morto”, scrisse Nietzsche più di un secolo fa e, a dispetto delle assurde guerre di religione che ancora si affacciano all’orizzonte della nostra storia recente, quella sentenza di morte sembra irreparabile e definitiva».

«Ma il sacro? Il misterioso? Sono anch’essi spariti per sempre dalle nostre vite? Che senso dare oggi alla presenza di un dio sulla scena, in un mondo in cui l’orizzonte del sacro sembra perduto per sempre? Il teatro è ancora il luogo dove un dio può prendere vita? dove possiamo ancora ascoltare la sua voce e, soprattutto, ancora interrogarlo? Mosso da tutte queste domande, ho deciso di mettermi sulle tracce di Dioniso, il dio che da sempre ci affascina per il suo stretto legame con il senso di perdita di sé stessi e con la vertigine che ad esso si accompagna. È un dio difficile da afferrare, fragile e contraddittorio, insieme uomo e donna, debole e potente, creativo e distruttivo ma la posta in gioco è altissima perché egli promette agli uomini – attraverso il vino, la droga, la danza, la musica, il sesso e la morte – la liberazione dal dolore».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.