Inchiesta Aias, chiesto rinvio a giudizio anche per la moglie e le figlie di De Mita

La Procura di Avellino ha chiesto il rinvio a giudizio per Anna Maria Scarinzi, moglie dell'ex presidente del Consiglio e per le sue due figlie

La Procura di Avellino ha chiesto il rinvio a giudizio per Anna Maria Scarinzi, moglie dell’ex presidente del Consiglio, Ciriaco De Mita, e per le sue due figlie, Simona e Floriana, finite insieme ad altre sette persone nell’inchiesta Aias-Noi con Loro, coordinata dal Procuratore aggiunto D’Onofrio, indagate a vario titolo per peculato, riciclaggio, malversazione e truffa aggravata nei confronti dello Stato.

Anna Maria Scarinzi accusata di truffa e malversazione

L‘udienza preliminare è fissata per il 6 marzo del prossimo anno davanti al Gup. In particolare, Anna Maria Scarinzi, nella sua qualità di presidente dell’Associazione “Noi con Loro”, è accusata di truffa per una serie di fatture per 817 mila euro che sarebbero state pagate ad un bar e ad una società di informatica, per i cui titolari è stato anche chiesto il rinvio a giudizio, senza che vi fosse alcuna corrispondenza con i servizi offerti. Alle due figlie dei coniugi De Mita, sarebbero state invece liquidate fatture per consulenze ritenute dall’accusa inappropriate e mai portate a termine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.