Incendio in un capannone di rifiuti in una azienda sequestrata

Un rogo si è sviluppato nel capannone pieno di rifiuti della Lea, azienda sequestrata pochi giorni fa dalla magistratura: tutti i dettagli

NAPOLI. Un rogo si è sviluppato nel capannone pieno di rifiuti della Lea, azienda sequestrata pochi giorni fa dalla magistratura, a Marcianise (Caserta) proprio per violazioni ambientali, in quanto teneva ammassata una grande quantità di rifiuti che avrebbe invece dovuto smaltire. Sul posto varie squadre dei vigili del fuoco. Lo riporta l’Ansa.

Incendio in capannone di rifiuti

Il sindaco Antonello Velardi, in un lungo post su Facebook parla di “grande disastro ambientale e una drammatica sconfitta per chi cerca di difendere l’ambiente”. La colonna di fumo è visibile a notevole distanza mentre nell’aria si è diffuso un odore molto acre.

Sul posto sono in azione numerose squadre dei Vigili del Fuoco di Caserta e Napoli che con difficoltà stanno cercando di domare le fiamme. In azione anche mezzi meccanici per rimuovere l’ammasso di rifiuti bruciati sotto il capannone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.