Immigrazione clandestina, due persone sorprese a Pozzuoli

I controlli sono scattati dopo che alcuni esposti pervenuti nei giorni scorsi avevano segnalato la circolazione di pulmini che trasportavano extracomunitari

immigrati2

POZZUOLI. Sette immigrati, di cui due clandestini, sono stati fermati venerdì a Licola a bordo di un pulmino abusivo nel corso di un’azione congiunta della Polizia Municipale di Pozzuoli e della Polizia di Stato finalizzata a rintracciare cittadini extracomunitari in posizione irregolare. Uno di questi è stato anche denunciato all’Autorità Giudiziaria per ricettazione.

Immigrati irregolari, due clandestini a Pozzuoli

I controlli sono scattati dopo che alcuni esposti pervenuti nei giorni scorsi avevano segnalato la circolazione di pulmini che trasportavano extracomunitari da e per la stazione della Cumana di Licola.

Venerdì, dopo una serie di appostamenti, è stato fermato il pulmino con a bordo sette immigrati: tre pakistani, una donna cinese, un danese, uno proveniente dalla Costa d’Avorio ed uno dal Gambia. Dopo gli accertamenti di rito è emerso che solo la donna cinese ed il cittadino gambiano erano sprovvisti di permesso di soggiorno e pertanto clandestini.

Il veicolo, invece, risultava adibito a trasporto di persone, con sediolini e panche, ma omologato all’origine per il trasporto di cose. Inoltre la targa bulgara corrispondeva ad altro veicolo, mentre dal controllo del telaio il pulmino fermato risultava essere italiano ed intestato ad una donna bosniaca con residenza a Roma. Il mezzo è stato quindi sottoposto a sequestro penale in attesa di ulteriori indagini.

Il conducente del veicolo, il cittadino gambiano, oltre ad essere sprovvisto di permesso di soggiorno e senza la patente di guida, esponeva sul parabrezza un contrassegno per disabili intestato ad una minore residente in un comune del casertano che non risulta essere convivente di nessuno dei passeggeri del pulmino. L’uomo è stato denunciato per ricettazione. Sono in corso ulteriori accertamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.