Guida alla scelta della lavatrice migliore

Le dimensioni, la capienza e il numero di giri della centrifuga: sono gli aspetti più importanti su cui focalizzarsi prima di comprare una lavatrice nuova

lavatrice

Le dimensioni, la capienza e il numero di giri della centrifuga: sono questi gli aspetti più importanti su cui ci si deve focalizzare se si ha in mente di comprare una lavatrice nuova che assicuri un bucato impeccabile. Esistono, tuttavia, anche altri parametri che è opportuno prendere in considerazione per avere la certezza di individuare l’elettrodomestico più in linea con i propri bisogni.

Le classi per il risparmio energetico

Negli ultimi tempi le lavatrici sono state capaci di limitare in modo considerevole i consumi di energia. Il consumo di energia più significativo proviene dal riscaldamento dell’acqua: proprio per questo motivo è sempre preferibile optare per programmi di lavaggio che restino al di sotto dei 40 gradi, dato che essi con i detersivi proposti sul mercato riescono a rimuovere le macchie e lo sporco senza problemi. Un eccellente acquisto dal punto di vista del rapporto tra qualità e prezzo, anche sul piano dei consumi, può essere individuato nel modello Bosch WAT24438IT Lavatrice Carica Frontale Classe energetica A+++. La classe A+++, giova ricordarlo, è la migliore a disposizione.

La carica frontale e la carica dall’alto

Prima di acquistare una lavatrice, non ci si deve dimenticare di verificare con attenzione lo spazio nel quale essa è destinata a essere collocata. In funzione delle dimensioni, è possibile distinguere tra le lavatrici con carica frontale, quelle con carica dall’alto e quelle slim. Una lavatrice con carica frontale, di solito la più richiesta, è profonda circa 60 centimetri, mentre un modello con la carica dall’alto si rivela prezioso nel caso in cui si possa contare su uno spazio limitato a disposizione. La slim coniuga le caratteristiche e i pregi degli altri due modelli: la comodità della carica frontale con una profondità ridotta, che contribuisce a limitare gli ingombri. Sul piano delle prestazioni, le lavatrici con la carica dall’alto e le slim non sono ancora in grado di raggiungere gli stessi livelli dei modelli con carica frontale. Nel corso degli ultimi tempi, i produttori hanno deciso di investire di più su modelli caratterizzati da capacità di carico di bucato elevate e da un numero superiore di giri: essi, di conseguenza, sono più avanzati sul fronte tecnologico, ma presuppongono anche una spesa maggiore. Per avere un’idea della lavatrice standard, si può dire che essa non scende sotto i sette chili di carico e raggiunge almeno i 1.200 giri.

Il numero di giri

Va detto, per altro, che i canonici 1.000 giri in realtà sono più che sufficienti per assecondare le esigenze del bucato quotidiano. Il riferimento è al numero di giri della centrifuga. I modelli di brand poco noti spesso non superano gli 800, mentre le lavatrici più performanti riescono ad arrivare fino a 1.600 giri, ma ovviamente sono i più dispendiosi. In medio stat virtus: gli esperti consigliano di rimanere tra i 1.000 e i 1.200 giri, anche perché numeri superiori in realtà non hanno effetti così migliorativi dal punto di vista delle prestazioni della centrifuga. Per di più, non si deve trascurare il fatto che più la centrifuga ha velocità elevate e più la lavatrice viene sottoposta a stress meccanico, e quindi rischia di avere un ciclo di vita abbastanza breve.

La centrifuga

Ma perché la velocità della centrifuga è così importante? Essa determina la quantità di acqua che al termine del lavaggio viene estratta dal bucato; ad ogni modo, c’è comunque bisogno di una asciugatrice o di uno stendino per poter usufruire di un bucato del tutto asciutto. Per l’efficacia del lavaggio, come si è detto, risultati più che apprezzabili si ottengono anche con una lavatrice da 1.000 giri, e lo stesso dicasi per il risciacquo.

La capienza

Un altro dei fattori che occorre valutare è la capienza, correlata alla quantità di bucato che in genere si lava di volta in volta. I modelli più capienti nella maggior parte dei casi sono quelli più costosi, ma non è detto che lavino meglio degli altri: meglio concentrarsi su altre caratteristiche, come la classe energetica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.