“La guerra della minigonna”: la prima faida di Napoli

Ci sono dei risvolti nella prima faida di Napoli nota come la guerra della minigonna. Le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Luca Menna

guerra minigonna

A Secondigliano è nota come la “faida del principino e della minigonna“, lo scontro armato tra i Prestieri del rione Monterosa contro i Licciardi della Masseria Cardone. Il collaboratore di giustizia Luca Menna ci svela nuovi particolari di quella guerra.

Secondo le sue ultime dichiarazioni sarebbe stato il gruppo di Francesco Fusco, orbitante nella “galassia criminale” dei Prestieri a uccidere Vincenzo Esposito, il nipote prediletto dei fratelli Licciardi. Da lì fu poi la guerra. Uno scontro frontale tra i Licciardi e il gruppo Fusco, culminato con l’uccisione di questi ultimi, ‘sacrificati’ da Paolo Di Lauro per riportare la pace nel territorio.


guerra minigonna


“La guerra della minigonna”: le dichiarazioni di Luca Menna

“Il clan Di Lauro era d’accordo che si ammazzasse Bosco Modestino per dare soddisfazione ai Licciardi. Anche Ruggiero però doveva morire. Il piano tuttavia non fu portato a termine perchè poco dopo fu arrestato. Ruggiero invece non fu risparmiato”. Secondo Luca Menna, Ruggiero fu ucciso da Raffaele Petrozzi.

“L’ordine di commettere questo omicidio – ha concluso Menna – come di aprire una piazza , poteva venire solo da Paolo Di Lauro. I Di Lauro erano dunque d’accordo che bisognasse ammazzare Bosco per dare soddisfazione ai Licciardi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.