Prima il furto e dopo l’estorsione, tre arresti a Giugliano in Campania

Prima il furto poi la richiesta estorsiva. È questo il riassunto della singolare azione scoperta dai carabinieri che hanno arrestato tre rom

carabinieri

GIUGLIANO IN CAMPANIA. Prima il furto poi la richiesta estorsiva. È questo il riassunto della singolare azione scoperta dai carabinieri che hanno arrestato Almir Suljevic, Brena Suljevic e un loro complice 15enne.

I tre sono considerati ritenuti responsabili di estorsione ai danni di due coniugi titolari di un esercizio commerciale a Giugliano in Campania. Lo riporta Internapoli.

Il furto e la richiesta estorsiva, arrestati tre rom

La donna aveva subito il furto della sua borsa nel suo negozio e, al fine di recuperare i documenti presenti nella stessa necessari per poter partire, si era recata col marito presso il campo rom tra Giugliano e Qualiano.

A quel punto i due sono entrati in contatto con Almir Suljevic che pretendeva la somma di 1500 euro per la restituzione dei documenti: dopo averne dati solo 500 lo stesso minacciava i due coniugi ammonendoli di versare il restante della somma altrimenti avrebbe incendiato il loro negozio.

È a questo punto che sono intervenuti i militari: i carabinieri dopo aver appreso che i coniugi avevano preso un altro appuntamento per la cessione della restante parte di denaro riuscivano a bloccare Almir Suljevic e un complice minorenne. Brena Suljevic invece è stata portata presso il carcere femminile di Pozzuoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.