Furoigrotta, ennesima aggressione ad autista Anm. Rabbia sindacato

Un'altra aggressione ad un autista dell'Anm è avvenuta ieri, attorno alle 16 e 30, nei pressi dell’Università di Monte Sant'Angelo a Fuorigrotta

NAPOLI. Un’altra aggressione ad un autista dell’Anm è avvenuta ieri, attorno alle 16 e 30, nei pressi dell’Università di Monte Sant’Angelo a Fuorigrotta. Lo riporta il quotidiano Il Mattino.

Aggredito autista bus Anm

«Un automobilista – denuncia Adolfo Vallini (Usb) – a seguito di un diverbio per motivi di viabilità ha prima aggredito fisicamente il conducente della Linea 180 e successivamente con un martello di ferro ha sfondato la porta anteriore del mezzo mandando in frantumi il vetro. Panico a bordo del bus».

«Secondo le prime ricostruzioni – prosegue Vallini – l’autista del pullman sarebbe stato colpito al volto e alla gola. A quel punto, i passeggeri che si trovavano sul mezzo sono intervenuti per allontanare l’aggressore. Ma questi sarebbe tornato in preda alla rabbia brandendo un martello di ferro, preso probabilmente dal bagagliaio della sua vettura, che ha poi scagliato sulla porta anteriore del bus, mandando in frantumi il vetro. Per fortuna, nessuno si è fatto male».

«Sul posto sono intervenuti polizia e carabinieri, che hanno fermato l’aggressore di circa 60 anni per violenza, interruzione di servizio pubblico e danneggiamento del bus”. “Il conducente – conclude Vallini – è stato refertato al vicino pronto soccorso, dove gli sono state diagnosticate ferite al collo e al volto con una settimana di prognosi». «Ancora una volta e per futili motivi gli operatori di esercizio restano vittime di violenza – dichiara Adolfo Vallini dell’Esecutivo Provinciale USB – Un’aggressione efferata che solo grazie all’intervento dei passeggeri non si è tramutata in tragedia. Si continua a lavorare in un clima di forte tensione, con livelli altissimi di stress e senza adeguate misure di prevenzione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.