False vendite online, arrestato 25enne

False vendite online, arrestato 25enne residente a Napoli, colto in flagranza di reato. Responsabile di truffa continuata a danno di 90 cittadini

truffe-online

NAPOLI. False vendite online, arrestato 25enne residente a Napoli, colto in flagranza di reato. Responsabile di illecito utilizzo di carte di credito e truffa continuata a danno di circa 90 cittadini presenti su tutto il territorio nazionale.

False vendite online, truffa a 90 cittadini su tutto il territorio

La Polizia di Stato di Isernia ha tratto in arresto il 25enne. L’attività giudiziaria è stata condotta dal Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per il Molise in collaborazione con personale del Compartimento Polizia Postale e grazie anche alle comunicazioni ricevute dal dipartimento di Napoli.

I controlli sono partiti nel mese di settembre dello scorso anno a seguito di una segnalazione di un cittadino molisano che aveva comprato un computer per una somma totale di 1.400 euro, dispositivo mai recapitatogli. Per concorso nelle medesime attività delinquenziali sono stati inoltre denunciati, in stato di libertà, quattro persone residenti nel territorio nazionale.


ricarica-postepay


Un circuito ben congegnato

L’uomo, arrestato, chiedeva i pagamenti su carta Postepay e il profitto dell’uomo si attesta intorno ai 60 mila euro. Tramite la pianificazione e l’applicazione di idonee strategie investigative la Polizia Postale è stata in grado di individuare, in tempo reale, il luogo di utilizzo dell’utenza del venditore ed il luogo di utilizzo di altre utenze, sempre riferibili al medesimo venditore, riconducibili alle attività illecite.

L’uomo si è avvalso di più carte postali intestate a persone diverse per assicurarsi l’anonimato e l’impunità. Lo stesso poi effettuava dei prelievi in uffici postali siti in diverse località delle città di Napoli e Caserta. Insomma, un vero e proprio circuito difficile da scoprire.

L’arresto

All’arresto rivenute tutte le carte di pagamento, 1.000 euro in contanti, un computer e uno smartphone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.