Elezioni politiche 2018, per i sondaggi vincerebbe il centrodestra. Anche al Senato

Il centrodestra sarebbe in vantaggio anche al Senato: tuttavia, si fa avanti l'ipotesi delle larghe intese per avere numeri per un governo stabile

NAPOLI. Dopo l’indagine effettuata relativamente all’esito del voto alla Camera dei deputati, Repubblica ha diffuso oggi anche i risultati dei sondaggi – elaborati dal professor Salvatore Vassallo, ordinario di Scienza politica all’università di Bologna – anche per quanto riguarda il Senato della Repubblica.

Il sondaggio relativo al Senato della Repubblica

Anche al Senato, così come alla Camera dei deputati, il centrodestra è in vantaggio rispetto al centrosinistra e al Movimento cinque stelle.

Se si assegnano i collegi in bilico – scrive Repubblica – al candidato che ha anche solo un punto in più di vantaggio, e si sommano a quelli sicuri (uninominali e proporzionali): alla Camera Pd a 147 seggi, Forza Italia 141. Il totale fa 288. Se gli alleati dei dem (+Europa, Insieme e Civica popolare) convergessero con i loro 9 deputati e la quarta gamba del centrodestra facesse altrettanto con i suoi 16, si arriverebbe a 313 seggi. Ne mancherebbero tre per arrivare ai fatidici 316 necessari alla maggioranza, comunque una base fragilissima per il governo. Per allargarla si dovrebbe ricorrere al soccorso, al momento improbabile, di Leu, Lega o Fratelli d’Italia.

Al Senato, invece, l’intesa sarebbe più fruttuosa: Pd e FI insieme arriverebbero a 148 seggi, ma con gli alleati toccherebbero quota 166, otto in più della maggioranza di 158. In altre parole, come spiega Salvatore Vassallo, ordinario di Scienza politica all’università di Bologna e autore della simulazione che pubblichiamo, “stante i sondaggi delle ultime due settimane, anche se nei collegi in bilico vincessero sempre i partiti potenzialmente interessati alle larghe intese, la maggioranza per una grande coalizione potrebbe non esserci”.

Le stime dei collegi del Senato nella mappa rafforzano invece l’ipotesi di una vittoria del centrodestra, che conterebbe su 144 seggi sicuri: 73 nel proporzionale e 71 uninominali (quelli colorati in blu nella mappa). Qui però è in gara anche in altri 27 collegi e in 14 di questi ha già un vantaggio, anche se inferiore a cinque punti.

A Berlusconi, Salvini e Meloni basterebbero per arrivare al traguardo di 158, cioè la metà più uno dei seggi di Palazzo Madama (al netto dei senatori a vita). Una maggioranza risicata, ma che potrebbe allargarsi.

Il voto in Campania

Così come per la Camera dei deputati, anche per il Senato della Repubblica la Campania – secondo il sondaggio – dovrebbe assegnare la vittoria al centrodestra.

Si tratta, tuttavia, di sondaggi – come ricorda il professor Salvatore Vassallo – e non è detto che non possano essere sovvertiti dall’esito elettorale.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *