Deteneva volatili illecitamente, denunciato 73enne

Gestiva illecitamente tre impianti di uccellagione: denunciato un 73enne napoletano dopo uin blitz dei carabinieri e della Lipu

NAPOLI. Gestiva illecitamente tre impianti di uccellagione, di cui due fissi con pali alti più di 5 metri e uno con rete ribaltabile attivi tutti i giorni per la cattura cardellini che approvvigionavano il mercato partenopeo.

Impianti illeciti con volatili, denunciato

Ma è finito però nella rete delle Guardie della LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli), coordinate da Giuseppe Salzano, che sono arrivate a lui grazie alla ricostruzione di vari traffici illeciti di specie protette. N.M. 73enne napoletano è stato trovato in possesso di otto cardellini, due lucherini e due fanelli rinvenuti sul sito di uccellagione, mentre altri 14 cardellini insieme ad altre 3 reti ribaltabili pronti per l’uso e una gabbia trappola, sono stati rinvenuti a seguito della perquisizione domiciliare nell’abitazione del bracconiere. Lo riporta il quotidiano Il Mattino.

Il blitz coordinato dal Comandante della locale stazione dei carabinieri, Luogotenente Gerardo Avolio, ha visto la partecipazione dei militari della Compagnia di intervento operativo dei carabinieri di Napoli e delle Guardie Venatorie e Zoofile della LIPU. Gli uccelli sono stati tutti liberati, le reti e tutta la strumentazione è stata sequestrata mentre l’uomo è stato denunciato per furto ai danni dello stato, per maltrattamento di animali e per uccellagione.

L’appello della Lipu Napoli

“Altissima è la nostra attenzione e quella della Benemerita a reprimere i reati contro l’ambiente e contro gli animali – dichiara l’Avv. Fabio Procaccini, Delegato Provinciale della LIPU di Napoli – facciamo appello a chiunque sia a conoscenza di impianti di uccellagione o traffici di animali protetti a non esitare di contattarci tramite la nostra pagina Facebook – LIPU NAPOLI”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.