“Dare voce agli attori e al territorio”: parte la Staffetta teatrale

Un progetto artistico per unire idealmente - e non solo - gli attori sparsi per lo Stivale, per dare voce ed espressione agli attori e ai territori

NAPOLI. Un progetto artistico per unire idealmente – e non solo – gli attori sparsi per lo Stivale, per dare voce ed espressione a uno dei mestieri più belli del mondo, promuovendo al tempo stesso il territorio italiano.

Tutto questo è la Staffetta teatrale, un progetto artistico nato da una intuizione dell’attrice teatrale salernitana  – ma romana di adozione – Monica Maiorino.

I partecipanti alla Staffetta sono tutti attori professionisti chiamati a interpretare testi scritti da tre autori salernitani, ossia Aniello Nigro, Tina Galano e Ivano Montano. Gli stessi attori, partecipando alla Staffetta, scelgono una location esterna: piazze, monumenti, strade cittadine, sentieri di montagna, paesaggi marini et c.

Si comincia con Aldo De Martino a Napoli

Il primo attore ad accettare il testimone è stato Aldo De Martino, napoletano, classe 1947, che come location ha scelto la sua amata Napoli.

Una carriera longeva e ricca di successi la sua, che lo ha portato a lavorare con i più grandi dominatori della scena artistica italiana e non: Walter Chiari, Nino Taranto, Giancarlo Giannini, Jack Lemmon. Famoso il sodalizio con l’indimenticabile Carlo Giuffré.

Come partecipare

Tutti gli attori professionisti interessati a prendere parte alla staffetta teatrale possono contattare ItopinipotI all’indirizzo itopinipoti@libero.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.