Crollo viadotto a Genova, M5S: “Controllare i ponti della Campania”

I parlamentari del Movimento cinque stelle scrivono all'Anas, al ministero delle infrastrutture e alla regione Campania chiedendo controlli

NAPOLI. «Dando seguito alla richiesta inviata all’ente Anas spa, insieme con la mia collega deputata Carmen di Lauro abbiamo inoltrato una nuova istanza al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, e alla Regione Campania per mettere loro a conoscenza delle segnalazioni ricevute dai cittadini, inerenti alla staticità di alcune infrastrutture presenti sul territorio». A parlare è la deputata del Movimento 5 Stelle Teresa Manzo. Lo riporta il quotidiano Il Mattino.

I ponti da controllare

«A questo proposito i siti oggetto della nostra attenzione sono stati: Viadotto San Marco (Castellammare di Stabia), Ponte Carmiano e Ponte Trivione (Gragnano), Ponte di Seiano (Vico Equense) e Ponte SP Gragnano-Casola di Napoli-Lettere (Casola di NapoliLettere) chiedendo l’inserimento di essi nel piano di conservazione delle opere infrastrutturali promosso dal MIT», spiega Manzo.

«L’incolumità del cittadino resta la nostra priorità, oltre che un dovere istituzionale di portavoce. Per troppo tempo le istanze della popolazione sono rimaste inascoltate, adesso è arrivato il momento di rendere fattibile ed efficiente il dialogo cittadino-stato. Ci tengo a ringraziare il presidente Giuseppe Conte, il vicepremier Luigi Di Maio e il ministro Danilo Toninelli per il constante impegno e le rapide risposte date per far fronte ad una grave e prioritaria emergenza come la suddetta».

Per Carmen di Lauro «è importante dare un segnale concreto ai cittadini che chiedono ascolto e sicurezza. Il ministero ha fin da subito cercato chiarezza su Genova, noi vogliamo farne anche sul nostro territorio, affinché sciagure del genere non accadano mai più».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.