Crollo viadotto a Genova, Autostrade: “Versati i contributi alle famiglie”

Autostrade per l'Italia comunica che sono stati versati i contributi per le prime necessità a quasi tutte le famiglie della Zona Rossa

NAPOLI. Autostrade per l’Italia comunica che sono stati versati i contributi per le prime necessità a quasi tutte le famiglie della Zona Rossa costrette ad abbandonare la propria abitazione a causa del crollo del viadotto Polcevera, che si sono recate nei due Punti di contatto allestiti da Autostrade per l’Italia – in collaborazione con il Comune di Genova e la Regione Liguria – presso il Centro Civico Buranello e la Scuola Caffaro. Su un totale di 252 famiglie genovesi che hanno dovuto lasciare la casa, 245 nuclei familiari hanno presentato richiesta di un contributo economico alla società per le primissime necessità.

I contributi alle famiglie della Zona rossa

Di queste, 215 famiglie hanno già ricevuto il contributo economico richiesto per oltre 2 milioni di euro complessivi sulla base di un procedimento particolarmente rapido, che prevede la compilazione di un modulo semplificato e l’erogazione del contributo entro 24 ore dalla richiesta.

Nel frattempo, entro oggi saranno versati con assegno i contributi economici per le necessità più urgenti ai primi 5 commercianti, artigiani e imprenditori colpiti dalla tragedia di Genova, che lavorano all’interno della Zona Rossa e non hanno attualmente la possibilità di svolgere la propria attività. Finora sono state presentate 19 domande di questo tipo.

Si ricorda che chiunque eserciti attività commerciali all’interno della Zona Rossa e desideri chiedere un contributo economico per le prime necessità può recarsi nei Punti di Contatto di Autostrade per l’Italia presso il Centro Civico Buranello e la Scuola Caffaro, oppure scrivere alla mail autostradepergenova@autostrade.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.